"Vigna Pregana" Buttafuoco dell'Oltrepò Pavese DOC 2015

Da tre generazioni la famiglia Quaquarini si occupa di produzione vinicola. Oggi l’Azienda Agricola Biologica Quaquarini Francesco è guidata da Francesco e dai figli Umberto e Maria Teresa. E’ una vera e propria azienda-filiera del vino: dalla fase delicata e manuale della coltivazione della vite e della vendemmia, la cura e il meticoloso controllo della produzione sino alla messa in bottiglia e alla vendita del vino. Una realtà a conduzione familiare che produce vini della tradizione locale di alto livello e genuinità, garantendo un ottimo rapporto qualità-prezzo. L’azienda, a produzione biologica certificata dal 2002, adotta la tecnica di inerbimento, ossia la presenza di un prato in vigna, nelle coltivazioni delle proprie viti. Si tratta di una tecnica capace di creare una miglior maturazione dell’uva migliorandone così la qualità e combattendo gli effetti erosivi del terreno. Una scelta etica e consapevole: scegliere il biologico significa abbracciare e favorire uno stile di vita sostenibile, per sé e per gli altri, nell’ottica di un futuro migliore per tutti. La produzione si avvale anche di vini senza solfiti e nel 2017 ha ottenuto il riconoscimento BANDIERA VERDE AGRICOLTURA, concesso, dopo accurati controlli, solo alle aziende che si distinguono per le loro capacità produttive e per la difesa del territorio e dell’ambiente.

Azienda: Az. Ag. Quaquarini Francesco

Annata: 2015

Tipologia: Vino Rosso

Denominazione: Buttafuoco dell'Oltrepò Pavese DOC

Regione: Lombardia

Zona di produzione: Canneto Pavese (PV); Buttafuoco Storico

Tipo di terreno: argilloso, limoso, mediamente plastico a reazione alcalina, povero in sostanza organica, calcareo

Vitigni: Croatina 55%; Barbera 30%; Ughetta di Canneto 15%

Titolo alcolometrico: 14 % vol.

Affinamento: Invecchiato in barriques

Temperatura di servizio: 16°-18°

Sistema di allevamento: controspalliera, con potatura gouyot

Raccolta: Manuale

8.7pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Vigna Pregana prende il nome dall’omonima vigna situata nella zona del Buttafuoco Storico. Si presenta nel bicchiere con un vivace rosso rubino che sfuma in leggerissime nuance granato. Intenso e di buona profondità olfattiva, ricorda inizialmente un fruttato di ciliegia e lampone passando poi ad uno speziato piccante e leggere note floreali, in particolar modo una rosa rossa. Il bouquet si completa lasciando ricordi di tabacco. L’assaggio evidenzia subito la sua coerenza gusto/olfattiva, con richiami ai frutti rossi. Il sorso è caldo e avvolgente, porta con sé un tannino che ben supporta la struttura. Una bella salivazione gustosa riempie la bocca, lasciandosi apprezzare a lungo; merito della buona spalla acida di questo vino. L’epilogo si concentra sulla parte sapida, dote che rende la bevuta decisamente piacevole. Un vino sincero e genuino.

Abbinamento: Crostini di polenta al forno con funghi