Carpineto Brunello di Montalcino DOCG 2015

Era il 1967 quando Giovanni Carlo Sacchet ed Antonio Mario Zaccheo fondarono la Carpineto col proposito di produrre un Chianti Classico di livello internazionale. Una rivoluzione, per quei tempi.
I due soci videro nella Toscana un enorme potenziale, dove poter produrre grandi vini applicando le tecniche più all’avanguardia e aumentare gli standard qualitativi dell’epoca. E ci riuscirono.
Sotto la loro direzione, la Carpineto è cresciuta fino a diventare un brand dal successo internazionale che attualmente esporta i suoi prodotti in 70 paesi del mondo.
I suoi vini di grande intensità ed estratto, affidabili e soprattutto di qualità costante nel tempo, hanno avuto successo di pubblico e critica, come testimoniano numerosi premi e riconoscimenti: soprattutto i rossi, grazie a un lungo invecchiamento che supera spesso di 6-12 mesi il limite richiesto dalla regole dei disciplinari.
Innovatori per tradizione, Sacchet e Zaccheo, insieme alle loro famiglie, continuano a sperimentare, sempre nel rispetto dei grandi valori storici della Toscana: la linea di prodotti Carpineto include infatti vini delle più prestigiose DOCG fino a vini varietali di grande struttura.

Azienda: Carpineto

Annata: 2015

Tipologia: Vino Rosso

Denominazione: Brunello di Montalcino DOCG

Regione: Toscana

Zona di produzione: Montalcino

Vitigni: Sangiovese Grosso

Titolo alcolometrico: 13.5 % vol.

Vinificazione: Macerazione in rosso, di media durata, con controllo della temperatura di fermentazione.

Affinamento: Tre anni in botti di rovere di Slavonia di diversa capacità, quindi sei mesi ed oltre di affinamento in bottiglia, in locali a temperatura costante.

Temperatura di servizio: 18°-20°

Raccolta: Manuale

9.4pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Il Brunello di Montalcino 2015 si palesa nel calice con veste rubina intensa che crea nell'anello del bicchiere una lucente scia granata. Stiamo parlando di Carpineto, produttore virtuoso a Montalcino e creatore di vini ricchi e articolati.
Naso complesso tipico, tradizionale, di ma anche moderno. In questa passeggiata olfattiva si affacciano varie famiglie di profumi passando dai frutti di bosco, prugna, ciliegia e arancia sanguinella, dalla rosa canina e viola mammola alla liquirizia, dal cacao ai chiodi di garofano fino ad arrivare a percettibili note di fungo, sottobosco autunnale e china. E ancora sensazioni balsamiche di eucalipto e note minerali di polvere di pietra. Passando all'assaggio percepiamo un vino carezzevole e vigoroso, imponente e dotato di tattilità vellutata. Tannini ben integrati, specchio di un'annata eccellente a Montalcino e ad una vinificazione impeccabile. Freschezza gustativa presente che lo rende un vino da bere subito con pitti articolati oppureda dimenticarsi in cantina.

Abbinamento: Piatti a base di cacciagione, arrosti di carne, bistecca alla fiorentina al sangue, tagliatelle al ragù di cinghiale.