Capotesta Lugana DOC 2018

Siamo a Lugana di Sirmione in provincia di Brescia, dove ha sede l’azienda agricola Cascina Maddalena che fa parte dell’organizzazione FIVI che da sempre si impegna per far si che l’amore e il lavoro genuino del vigneron non si spengano ma continuino non solo per fare il vino, ma anche per preservare il territorio, in cui ogni bottiglia nasce e grazie al quale è unica. L’azienda possiede quattro ettari di vigneto, che godono dell’influsso del particolare microclima del Lago di Garda, nel quale vengono coltivate oltre al Turbiana, il Marzemino e il Cabernet Sauvignon, vinificando solo le uve di proprietà. I vitigni sono nel cuore della Lugana ed il suolo è composto di argilla carica di sali minerali, dure come la pietra quando sono secche e morbide sabbiose quando sono bagnate, che si è dimostrata eccezionale per il vitigno Turbiana e per il Lugana, già raccontato da Veronelli in maniera fantastica. Non solo amore, famiglia, tradizione, ma anche tanta innovazione da parte della nuova generazione, che dal 2017 ha presentato una nuova linea di bottiglie dalla grafica innovativa e molto accattivante. Frutto della continua ricerca e sperimentazione sono le etichette Lugana Doc Capotesta e il Clay che come tutte le altre bottiglie aziendali, ad eccezione dello spumante utilizzano il tappo stelvin, che oltre ad essere una chiusura neutra consente anche una drastica riduzione dei solfiti aggiunti all’imbottigliamento.

Azienda: Cascina Maddalena

Annata: 2018

Tipologia: Vino Bianco

Denominazione: Lugana DOC

Regione: Lombardia

Zona di produzione: Lugana di Sirmione (BS)

Tipo di terreno: calcareo-argilloso

Vitigni: Turbiana

Titolo alcolometrico: 13 % vol.

Vinificazione: Pressatura soffice di uva intera, fermentazione mosto con lieviti selezionati a temperatura controllata e mantenimento sulla feccia fine, fino a tarda primavera

Affinamento: In acciaio e successivamente in bottiglia

Temperatura di servizio: 6°-8°

Sistema di allevamento: Guyot

Raccolta: Manuale in cassette da 15 kg. Periodo di raccolta dall’ultima decade di settembre alla prima di ottobre.

8.8pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Il vino, prodotto nella quantità di oltre 26.000 unità è presentato con un’etichetta intrigante. Veste il bicchiere di un colore giallo paglierino intenso con lievi riflessi dorati. Il profilo olfattivo è intenso e complesso e regala immediati riconoscimenti territoriali che ricordano note minerali di selce e pietra focaia e lievi effluvi di goudron. Il fruttato riserva piacevoli profumi di mela cotogna, albicocca, melone bianco ed agrumate di cedro e mapo a cui si accompagnano sentori di magnolia e glicine e di erbe aromatiche fresche tra le quali spicca la nepetella. Il sorso regala bella pienezza gustativa, intenso, voluminoso e carnoso. Fresco e calibrato nella sapidità, chiude lasciando la bocca pulita che, coerentemente, ripropone sensazioni minerali ed agrumate.

Abbinamento: Gnocchetti di patate e baccalà con guanciale e porcini