Hirundo Lugana Brut Metodo Classico Millesimato 2017

Il Podere di Selva Capuzza situato 4 Km a sud del Lago di Garda, si colloca in una posizione collinare creata dallo scioglimento del ghiacciaio che plasmò la sede del lago, e situata all'interno dei confini delle tre principali zone DOC della sponda bresciana del Lago di Garda: Riviera del Garda Classico, San Martino della Battaglia e nel cuore del Lugana. È un podere dedicato alla produzione vinicola di 6 vitigni autoctoni della zona. Al suo interno vi si trovano anche olivi, un bosco nato come tartufaia, ampi spazi aperti dedicati alla biodiversità, un parco di gelsi secolari e due piccoli laghetti. Prende il nome dalla località nella quale si trova; le zone di campagna a sud del lago venivano chiamate "Silvae" già dall'epoca romana. Il nome "Capuzza" sembra derivare dalla sua posizione elevata, all'inizio delle colline dell'anfiteatro morenico del Garda, sul "cappuccio" che si trova a poche centinaia di metri dalla torre di San Martino della Battaglia. Il terreno è formato da un'alta percentuale di argilla e, caratteristica di questa zona più elevata, da una ricca presenza di sassi. L'unicità di questo contesto ambientale ha incoraggiato l’azienda alla ricerca della massima espressione qualitativa delle uve autoctone e tradizionali: Turbiana, Tuchì, Groppello, Marzemino, Barbera e Sangiovese.

Azienda: Podere Selva Capuzza

Annata: 2017

Tipologia: Metodo Classico

Denominazione: Lugana DOC Brut Metodo Classico

Regione: Lombardia

Zona di produzione: Vigneto Selva e Menasasso; Desenzano Del Garda (BS)

Vitigni: Turbiana

Titolo alcolometrico: 12.5 % vol.

Vinificazione: Fermentazione del mosto in acciaio. Seconda fermentazione naturale in bottiglia per periodi variabili da 15 a 30 mesi

Affinamento: Acciaio

Temperatura di servizio: 4°-6°

Raccolta: Manuale

8.6pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Si tratta di un prodotto ormai storico per l’azienda, la cui prima produzione risale al 1908. Vendemmia 2017, tiraggio effettuato in data 24.11.2017, sboccatura in data 21.07.2019. Bottiglie prodotte 3.592. Il vino si presenta nel bicchiere di un colore giallo paglierino vivace e luminoso con una spuma verticale e finissimo perlage persistente. Si apre all'olfatto con piacevoli profumi di pasticceria che ricordano i cestini di pastafrolla con crema pasticcera al limone, note floreali di rosa bianca e biancospino e fruttati di mela Golden, cedro e pompelmo. Sottili effluvi di erbe aromatiche che si uniscono a sensazioni di arachidi e note iodate concludono l’indagine olfattiva. Il sorso è estremamente piacevole. La bocca viene investita da una bollicina calibrata e fine che accarezza il palato. La freschezza gustativa, unità alla setosità della co2, sorregge il sorso fino alla fine ed una nota sapida contribuisce a un equilibrio ancora in evoluzione. Il sorso, di media persistenza si chiude con richiami fruttati e lievemente ammandorlati.

Abbinamento: Carpaccio di gambero rosso con maionese fresca e polvere di prezzemolo