Il Falcone Castel del Monte Rosso Riserva DOCG 2014

La famiglia de Corato ha salde radici nella terra di Puglia. Qui, in agro di Andria, alla fine degli anni ’40 Sebastiano de Corato fondò l'Azienda Vinicola Rivera nell’omonima tenuta di famiglia con il preciso intento di valorizzare e diffondere nel mondo l’enorme potenziale qualitativo della vitivinicoltura della zona circostante il Castel del Monte. Il successo non si fece attendere e la Rivera divenne ben presto il principale punto di riferimento dell’enologia pugliese e l’autentico motore della sua rinascita, grazie anche alle innovazioni in vigna e in cantina apportate a partire dagli anni ’80. Con l’ingresso in azienda di Sebastiano e Marco, figli di Carlo e nipoti del fondatore, la Rivera prosegue con orgoglio e rinnovato impegno nella produzione di vini che esprimono tutto il carattere intenso ed elegante di questo territorio e dei suoi vitigni. In applicazione della filosofia aziendale, in tutte le fasi del processo di produttivo - allevamento dei vigneti, raccolta delle uve, vinificazione, affinamento e imbottigliamento dei vini - si combinano le più moderne tecniche di viticoltura ed enologia con l’assoluto rispetto dei processi naturali, nell’ottica della sostenibilità ambientale ed economica e del miglioramento continuo della qualità.

Azienda: Azienda Vinicola Rivera

Annata: 2014

Tipologia: Vino Rosso

Denominazione: Castel del Monte Rosso Riserva DOCG

Regione: Puglia

Zona di produzione: Andria (BT)

Tipo di terreno: Tufaceo profondo

Vitigni: 70% Nero di Troia; 30% altri vitigni autoctoni

Titolo alcolometrico: 13.5 % vol.

Vinificazione: Acciaio per 15 giorni con delastage e rimontaggi

Affinamento: 14 mesi, metà in barriques di 1° 2° 3° passaggio e meta in botti di rovere francese da 30Hl ed 1 anno di bottiglia

Temperatura di servizio: 16°-18°

Sistema di allevamento: Cordone Speronato

Resa per HA: 90 ql/ha

Raccolta: Manuale

8.8pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Il suo colore è rosso rubino fitto e vivace. Intenso e complesso al naso. Profumi di frutta a bacca nera matura sono i primi a farsi sentire, ai quali si aggiungono poi lievi note di agrume. Ruotando il vino nel bicchiere, arrivano in seconda battuta aromi di chiodo di garofano, tabacco e liquirizia. In bocca la trama tannica è morbida e carezzevole, e lascia immediatamente spazio alla freschezza. Lunga persistenza caratterizzata dalla dolcezza del frutto, dalle note di agrume, accompagnate da ricordi di liquirizia note balsamiche.

Abbinamento: