Le Stoppie Vermentino Maremma Toscana DOC 2019

La passione per la coltivazione della vite e per le tradizioni contadine, unite al desiderio di contribuire attivamente alla promozione della terra della Maremma Toscana, hanno portato nel 2001 la famiglia Vanni, maremmana Doc, a realizzare un sogno: l’azienda San Felo con una superficie di circa 50 ettari di cui a vigneto 33 ettari. Saggezza, esperienza, pazienza contadina, con l’entusiasmo innovativo dei giovani imprenditori attenti ad investire in nuove tecniche: ecco i fattori che hanno consentito a San Felo di ottenere vini che esaltano il patrimonio eno-culturale della Maremma Toscana tramandato da generazioni. Per rimanere legati alla tradizione, l’azienda coltiva Sangiovese e Vermentino per produrre rispettivamente Morellino di Scansano DOCG e DOC Maremma Toscana. Essendo però un’azienda giovane e innovativa, vengono coltivati anche vitigni internazionali come Cabernet Sauvignon, Pinot Nero e Viognier ottenendo la massima espressione di questi prodotti. Il loro obiettivo è quello di produrre una quantità limitata di bottiglie caratterizzate da alta qualità rendendo massima la soddisfazione di chi acquista i loro vini.

Azienda: San Felo

Annata: 2019

Tipologia: Vino Bianco

Denominazione: Maremma Toscana DOC

Regione: Toscana

Zona di produzione: Magliano in Toscana (Grosseto)

Tipo di terreno: Franco sabbioso con scheletro di natura arenaria, il terreno è piuttosto omogeneo.

Vitigni: Vermentino

Titolo alcolometrico: 13 % vol.

Vinificazione: La vinificazione tradizionale in bianco, si svolge in serbatoi a temperatura controllata (max 18°C).

Affinamento: Affinamento sui lieviti di vinificazione per circa 1 mese che avviene nelle stesse vasche. Segue refrigerazione a 0° e filtrazione.

Temperatura di servizio: 6°-8°

Sistema di allevamento: Guyot

Resa per HA: 100 q.li.

Raccolta: Manuale

8.6pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Vermentino “Le Stoppie” è il nome scelto dai produttori per indicare gli steli residui di grano che restano nel campo dopo la mietitura. Successivamente il terreno è stato destinato a superfice vitata per le uve di Vermentino, vitigno particolarmente vocato a questo tipo di coltivazione. Alla mescita si presenta giallo paglierino con ricami verdolini . Al naso sprigiona una palette olfattiva leggera che sprigiona leggere note di frutta fresca di frutta esotica, di agrumi e fiori bianchi di biancospino, sostenuto da una buona acidità e da una fine sapidità. il sorso è apprezzabilmente fresco, accompagnato da sfumature lievemente amaricanti
Prima del 2002 i campi dove oggi sono impiantati i vigneti erano atti alla coltivazione del grano.

Abbinamento: Orata al cartoccio con pomodorini. Spiedini ai calamari e gamberi.