Ornina Toscana Rosso IGT 2017

Ornina è un'azienda piuttosto giovane, ma che si è subito distinta nel panorama italiano dei vini per la qualità dei loro prodotti: Il progetto nasce nel 2008 quando Marco ancora studente alla facoltà di agraria di Firenze, prende in mano i due ettari di vigna piantati dal babbo Orazio nel 1973 all'interno della proprietà storica della famiglia. Da quella vendemmia, capirono che il vino in Casentino potesse avere un bel potenziale. Dà lì nacque l'esigenza di avere la massima cura per quella terra così generosa, intraprendendo in vigna la strada del biologico prima e della biodinamica poi e del metodo naturale in cantina in un territorio vergine, lontano geograficamente dalle prescrizioni previse per la produzione di bottiglie nell'aretino e non solo. Nel corso degli anni, sicuri della scelta intrapresa, sono state piantate nuove vigne e provveduto alla costruzione di una nuova cantina il cui progetto è stato creato ispirandosi all'architettura steineriana. Le forme tondeggianti, insieme ai tetti in prato, risultano in perfetta armonia con la natura circostante, oltre a far maturare i vini nel miglior modo possibile.

Azienda: Ornina

Annata: 2017

Tipologia: Vino Rosso

Denominazione: Toscana Rosso IGT

Regione: Toscana

Zona di produzione: Castel Focognano (AR)

Vitigni: Sangiovese 80%; Canaiolo 20%

Titolo alcolometrico: 13.5 % vol.

Vinificazione: Acciaio

Affinamento: 12 mesi tonneaux di rovere francese

Temperatura di servizio: 16°-18°

Raccolta: Manuale

9.1pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Della linea di vini prodotti questo è decisamente il più famoso capace di creare armonia sia da un punto di vista visivo per il suo rosso dal mento rubino vivace con una linea granata sul bordo del bicchiere, sia per il ventaglio olfattivo tipico dei due vitigni di sangiovese e canaiolo: seducono i profumi di mora, ribes nero, ciliegia e prugna maturi seguiti da nuances di violette selvatiche e arancia sanguinella. La rotazione del bicchiere continua, facendo emergere note di sottobosco, sfumature balsamiche e di spezia dolce. Chiude una leggera nota di terra bagnata. L'ingresso in bocca è corposo, rotondo. La presenza dei tannini non è marcata, permettendo così di evidenziare un gusto di frutta a bacca nera e di spezia, in particolar modo cioccolato e chiodi di garofano accompagnati da una bella freschezza e sapidità. Lunga la persistenza che fonde tutte le sensazioni sopra descritte. Un vino versatile, da bere subito oppure da lasciare a riposo per qualche tempo perché acquisisca maggiore morbidezza ed armonia.

Abbinamento: Lasagne al forno, girarrosto misto di selvaggina. Pollo al forno.