Ritratto Rosso Vigneti delle Dolomiti IGT 2015

La Cantina porta nel nome e nel logo il suo legame con il territorio e la sua antica tradizione vinicola: Il nome, che è il medesimo della cittadina in cui ha sede, trae origine dal torrente Avisio che scende dalle vette con l’impetuosità caratteristica della natura di questo splendido e ardito scenario naturale, ben rappresentata dal latino Vis, sinonimo di forza, in esso contenuto.
Il logo prende spunto da un elemento decorativo da sempre presente in azienda e dal valore fortemente simbolico: un bassorilievo in legno celebrativo della fondazione della Cantina avvenuta nel 1948 e rappresentante gli scudi dei comuni di Lavis, Giovo e Meano primissimi protagonisti della nascita del sodalizio. Un marchio senza tempo e di grande forza che mette al centro la Cantina e i suoi valori fondanti: la cooperazione, la sua storia, il suo legame con il territorio.
La cooperativa vinicola di La-Vis trae le sue origini nel 1850 quando la famiglia Cembran edificò il primo nucleo della sua attuale struttura produttiva. Nasce poi ufficialmente nel dopoguerra, nel 1948, per opera di 14 intraprendenti viticoltori e si ingrandisce e rafforza anno dopo anno, anche tramite l’acquisizione di altre realtà produttive, come la fusione con la cooperativa altoatesina di Salorno nel 1969, che il marchio Durer-Weg ancora rappresenta, e la fusione con Valle di Cembra Cantina di Montagna nel 2003.

Azienda: Cantina La Vis

Annata: 2015

Tipologia: Vino Rosso

Denominazione: Vigneti delle Dolomiti IGT Rosso

Regione: Trentino

Zona di produzione: migliori vigneti aziendali

Tipo di terreno: terreno franco argillosi, ricchi di scheletro, mediamente profondo e ben drenato

Vitigni: Lagrein, Teroldego e Merlot

Titolo alcolometrico: 13.5 % vol.

Vinificazione: tradizionale in rossa con lunghe macerazioni

Affinamento: Le varietà maturano separatamente, minimo 30 mesi in cantina (barriques, fusti grandi di legno e vasca di cemento). Affinamento successivo in bottiglia 12 mesi.

Temperatura di servizio: 18°-20°

Sistema di allevamento: guyot a pergola trentina con esposizione ovest, sud-ovest

Raccolta: nei primi 15 giorni di ottobre

9.3pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Vino di notevole impatto cromatico che veste il bicchiere di un colore rosso rubino luminoso e profondo nella tonalità colorante con vivaci sfumature violacee. Il naso è ricco ed aromatico con note di piccoli frutti di bosco, mora e lampone, seguite da una ciliegia scura, seguiti da note mentolate e speziate di vaniglia e cardamomo che abbracciano nel finale piacevoli riconoscimenti di tabacco, cacao e polvere di caffè. Il sorso è garbato e di notevole pienezza. La struttura del vino e la sua morbidezza si amalgamano con i tannini, già di buona qualità, ed insieme ad una nota sapido-ferrosa che giunge nel finale, la bocca rimane colpita da sapori decisi che accompagnano la lunga persistenza.

Abbinamento: Maialino di cinta senese con bacche di pepe ed ananas candito