Santa Sofia Lugana DOC 2019

Scriveva Andrea Palladio: “È posta in un bellissimo sito, cioè sopra un colle in ascesa facilissima, che discopre parte della città ed è tra due vallette: tutti i colli intorno sono amenissimi e copiosi di buonissime acque; onde questa fabrica è ornata di giardini e fontane meravigliose.” L’azienda vinicola Santa Sofia è stata fondata nel 1811 ed ha sede e cantine a Pedemonte, a nord di Verona (Italia), in una dimora disegnata ed in parte realizzata da Andrea Palladio nel XVI secolo, conosciuta come Villa Sarego, attuale Villa Santa Sofia. Nel 1967 Giancarlo Begnoni, enologo, rileva l’azienda Santa Sofia, amplia e migliora la qualità della produzione vinicola aziendale. Oggi insieme al figlio Luciano, vivono con entusiasmo il loro ruolo di testimoni e custodi di una grande tradizione enologica. I locali delle cantine di Santa risalgono a tre epoche storiche differenti: la parte più antica è stata costruita nel 1300 d.C. per opera dei frati di San Bernardino; una parte è più recente risalente al 1700 d.C.; ed infine una parte è risalente al XVI secolo.

Azienda: Santa Sofia

Annata: 2019

Tipologia: Vino Bianco

Denominazione: Lugana DOC

Regione: Veneto

Zona di produzione: Peschiera del Garda (VR)

Tipo di terreno: Argillosi, prevalentemente di natura calcarea post-glaciale

Vitigni: Trebbiano di Lugana (Turbiana)

Titolo alcolometrico: 13 % vol.

Vinificazione: In bianco con fermentazione in acciaio

Affinamento: In contenitori di acciaio inox. Circa 3 mesi in bottiglia

Temperatura di servizio: 8°-10°

8.9pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Il vino veste il bicchiere di un colore giallo paglierino con riflessi verdolini molto vivo e luminoso. All’olfatto mette in mostra un esuberante frutto costituito da mela golden, ananas, susina, litchi ed importanti note di agrume biondo, seguiti da un floreale di ginestra e rosa gialla. Sbuffi conclusivi di mentuccia romana e timo con ricordi di pietra bianca calcarea. Sorso delizioso e dissetante. Freschissimo, reso scorrevole grazie alla coesione tra freschezza e sapidità. Finale incisivo con ritorni agrumati e saporosi. Persiste a lungo.

Abbinamento: Risotto con burrata, carpaccio di gamberi e zafferano