Spaziolibero Toscana IGT 2019

Il primo proprietario dell’antica villa fu Marco Peconio nel II sec. D.C. Il nome deriva da Pacho, dio del vino, cioè Bacco in etrusco; un segno evidente di quanto il territorio sia da sempre legato all’arte del coltivar la vigna ed esaltarne i preziosi frutti. Mille anni dopo la proprietà passò alla famiglia Ricoveri che vi innalzò un palazzo fortificato con annessa torre ancora oggi visibile.
La forma attuale della villa si deve però ai Gualtieri, importante casato di poeti, cardinali e viticoltori che l’acquisirono nel Rinascimento e la intestarono all’Ordine di Santo Stefano. Nell'Ottocento, in seguito all'invasione di Arezzo da parte di Napoleone, la villa fu sequestrata e messa all'asta con il successivo acquisto da parte degli Ubertini, nobile famiglia aretina il cui più noto esponente fu Guglielmo degli Ubertini, il condottiero degli Aretini nella grande battaglia contro Firenze: Campaldino.
All'inizio del secolo passato ci furono i Bucchi, che svilupparono ulteriormente la coltura dell'olio e della vite, piantando la più vecchia delle vigne attualmente presenti in azienda.
Il casale fu poi acquistato dalla famiglia Luzzi. Il Dottor Saverio Luzzi, noto Neurologo, ha riportato la proprietà agli antichi splendori tramite un’accurata e minuziosa ristrutturazione degli ambienti e ha deciso di portare avanti la produzione del vino puntando però sull’alta qualità del prodotto. Da Medico il suo obiettivo è quello di conciliare la tradizione storica e l’innovazione tramite un approccio scientifico al lavoro.

Azienda: Villa la Ripa

Annata: 2019

Tipologia: Vino Rosato

Denominazione: Toscana IGT

Regione: Toscana

Zona di produzione: Loc. Antria, Arezzo

Vitigni: Sangiovese 50%, Syrah 50%

Titolo alcolometrico: 12.5 % vol.

Affinamento: Salasso dopo 3 ore di permanenza sulle bucce. Fermentazione per circa 10 giorni e successiva maturazione sulle fecce per 2 mesi.

Temperatura di servizio: 8°-10°

Sistema di allevamento: Cordone speronato.

Resa per HA: 6000 litri/ha.

Raccolta: Manuale

8.6pts.

HipsterWine.it

Note di Degustazione: Come ricorda il nome, il rosato di Villa La Ripa Vuole sottolineare l'importanza di sottolineare quanto sia importante per ciascuno ritagliarsi uno spazio intimo e spensierato su cui concentrare i nostrio desideri e le nostre passioni più segrete. Spazio Libero è proprio questo: un vino decisamente grintoso dalle fragranze di fragoline di bosco e lamponi appena raccolti durante un momento di relax. Il sorso è fresco e richiama gli stessi sentori percepiti al naso con una chiusura di bocca minerale e sapida.

Abbinamento: Pizza napoletana margherita con mozzarella di bufala.